Seguici su Facebook! Seguici su Twitter! Seguici su Youtube! Seguici su Instagram!
Le Attivita'

Il castello della Vobbia e le sue leggende...

Percorrendo la strada tra Isola del Cantone e Vobbia, familiarizzato con la maestosa figura del Castello della Pietra, un po’ nascosto dalla strada, è conservato ancora un antico ponte in pietra, la cui storia si mescola con alcune leggende, tra le più suggestive che tuttora vengono ricordate in Valle Scrivia.

Descrizione dell'itinerario

Da Vobbia (AL) si prende il sentiero che percorre a mezza costa un lungo tratto dell’omonima valle, seguendo le pieghe della montagna, alternando tratti in salita a tratti in discesa e pianeggianti ed attraversando svariati ambienti naturali. La ricca vegetazione lascia spazio a formazioni rocciose con forme inconsuete e spettacolari: torri, guglie, strapiombi e gole dai fianchi aspri che formano l’habitat ideali per alcune specie di rapaci.

Sono frequenti gli scorci panoramici il più suggestivo dei quali, verso la fine del percorso, è la vista del magico Castello della Pietra. 

Il ritorno avviene lungo lo stesso percorso dell’andata.

 

NB: per la tipologia dell'escursione e per l'ambiente caratteristico si raccomanda questa uscita anche a famiglie con bambini e scolaresche. Colazione al sacco 

 

(Comunque la leggenda narra che... un castellano di nome Zan fece costruire un ponte sul rio Busti, che specie nella cattiva stagione presentava numerose difficoltà per attraversarlo. Un giorno questo fantomatico personaggio incontrò il diavolo, che si offerse per la costruzione, chiedendo in cambio la prima anima che di lì sarebbe passata. Zan accettò, ed il mattino successivi il ponte era terminato. Il castellano in compagnia del suo cane andò a verificare i lavori e fece in modo che proprio il cane fosse il primo passante.

Il diavolo imbrogliato meditò vendetta non allontanandosi mai dal ponte, finché il feudatario un giorno vi tornò per seppellirvi una cassetta contenente un tesoro. Il diavolo naturalmente si precipitò a vedere cosa vi fosse di tanto prezioso e fece in modo che, ogni qual volta che il castellano o chiunque altro, cercasse di disseppellire il forziere, fosse aggredito da una gradinata di sassi. Dopo alcuni secoli, durante la costruzione della chiesa parrocchiale di Vobbia, la popolazione del luogo si recò al ponte, con il parroco in testa, per recuperare il tesoro. Quest’ultimo giunto sul luogo fece un ampio segno della croce e lo cosparse di acqua benedetta.

Fu allora che si sentì un boato ed il diavolo fuggì...)


Equipaggiamento

Da escursionismo periodo autunnale in appennino: giacca a vento, pile, scarponi, utili i bastoncini telescopici. Eventuale materiale di protezione dalla pioggia e dal sole. Non saranno ammesse persone con scarpe da ginnastica.


Ulteriori informazioni

Telefono Ufficio Turistico Vobbia 010-939311





Informazioni sintetiche

  • DATA ESCURSIONE
  • DESTINAZIONE
    Castello della Vobbia
  • ZONA MONTUOSA
    Appennino Ligure
  • PARTECIPANTI (MAX)
    50
  • DISLIVELLO
    ↑600
  • TEMPISTICHE
    max. 5.00 ore
  • SCALA DIFFICOLTA'
    T/E
  • COORDINATORI
    Rosalba Bacilieri – Giuliano Cominetti – Andrea Foletti

  • vobbia
  • vobbia-3
  • vobbia-2
  • vobbia-1