Seguici su Facebook! Seguici su Twitter! Seguici su Youtube!
Le Attivita'

Ferrata del Rio Secco

Questa ferrata si differenzia dalle ferrate classiche in ambiente montano per il percorso che affronta: una sorta di canyoning attrezzato lungo il torrente Rio Secco che scende fino al fiume Adige nella valle omonima. Il percorso è difficile.

Descrizione dell'itinerario

Questa ferrata si differenzia dalle ferrate classiche in ambiente montano per il percorso che affronta: una sorta di canyoning attrezzato lungo il torrente Rio Secco che scende fino al fiume Adige nella valle omonima. Il percorso è difficile. Si snoda lungo questo profondo solco vallivo alternando tratti verticali e strapiombanti da percorrere quasi in arrampicata (sempre con cordino) a pochi metri dall' acqua, a tratti
a piedi sul fondo delle forre. Tutto ciò rende questa ferrata tra le più impegnative del Trentino.

Da non perdere ma con la giusta preparazione.
Terminato il sentiero di uscita, svoltando a destra si raggiunge il rifugio Sauch, nella sua bellissima collocazione.

SALITA
Dal parcheggio sito c/o la località Cadino attraversare la SS 12 e portarsi nei pressi di una piccola chiesetta posta ad Est del parcheggio. Vicino alla chiesetta (a destra) si trovano i cartelli che indicano il sentiero di accesso alla ferrata ed un tabellone con cartina schematica della ferrata e rientro.

Da qui inizia la salita nel bosco che salendo a destra del Rio Secco porta all' attacco della ferrata. La salita avviene prevalentemente nel bosco ed ha una durata di circa 20-25'. Salendo si passa dal bivio col sentiero di rientro (489), proseguire diritto sul 490.
Si sale fino ad una panchina nei pressi di una svolta più decisa a destra. Qui ci si deve imbracare.

FERRATA
Dalla panchina percorrere poche decine di metri in traverso attrezzato su cengia e ci si porta nei pressi del Rio Secco, alla base delle profonde forre scavate dal torrente. Si attraversa il torrente. (In primavera può capitare di dover togliere le scarpe acausa della troppa acqua ed in autunno di non trovare neanche una goccia d-acqua).
Una volta attraversato si comincia con le prime difficoltà : paretina verticale che risale sul lato sinistro del torrente. La ferrata prosegue alternando tratti impegnativi anche a pochi metri dall' acqua a tratti più facili dove riposare.
Durante la salita si trovano i numerosi cartelli che indicano il tratto di ferrata che si sta percorrendo: Belvedere, Passaggio dei Gabbiani, Grotta del Basalisc e tanti altri come evidenziato sul tabellone alla base della parete. Poco prima della Grotta del Basalisc, poco prima di metà ferrata, c'è la possibilità di
abbandonare la ferrata, nei pressi del cartello, seguendo il sentiero denominato "rientro di emergenza".

Sul percorso, soprattutto nella parte centrale-alta, sono presenti numerosi ometti. C'è la possibilità anche di aggirare un tratto difficile seguendo le indicazioni facile (cartello).

Nella parte alta si trova anche il libro di via con una madonnina.
Arrivati in cima alla ferrata, poco dopo il grosso masso attrezzato con spit per recupero di eventuali feriti, si abbandona il centro della valle e con sentiero nel bosco si sale a sinistra lungo il pendio.

DISCESA
Il sentiero inizialmente sale per poter uscire dal tratto scavato dal rio.
Si sale fino al bivio con il sentiero attrezzato di rientro della ferrata del Rio Secco E 489 per poi, una volta aggirato il versante, iniziare a scendere rimanendo scendendo a destra della ferrata.

Il sentiero scende a tratti ripido. Il tratto più impegnativo è quello che permette l'accesso alla scala che consente di superare un salto di roccia di 7-10m. Questo tratto ha un dislivello di circa 125m, è esposto ed attrezzato. Conviene una volta usciti dalla ferrata del Rio Secco rimanere imbracati.
Finita la scala le difficoltà sono terminate. La discesa prosegue, sempre nel bosco con sentiero, fino ad arrivare nuovamente al bivio col sentiero Sat 490 percorso in salita.
Si gira a destra si scende alla chiesetta ed al parcheggio.


Equipaggiamento

Da media montagna: giacca a vento, pile, berretto, guanti e scarponi. Possono diventare utili i bastoncini telescopici e occhiali da sole. Portare nello zaino un corretto equipaggiamento da escursionismo. Obbligo kit da ferrata, completo e omologato.


Ulteriori informazioni

N° telefono Rifugio Sauch 0461 683768





Informazioni sintetiche

  • DATA ESCURSIONE
  • DESTINAZIONE
    Ferrata del Rio Secco
  • ZONA MONTUOSA
    Basso trentino
  • DISLIVELLO
    ↑300    ↓300
  • TEMPISTICHE
    4 ore ore
  • SCALA DIFFICOLTA'
    EEA e AD/D
  • COORDINATORI
    Paolo Cavallanti, Carlo Anelli

  • ferrata-rio-secco-01
  • ferrata-rio-secco-02