Seguici su Facebook! Seguici su Twitter! Seguici su Youtube!
Le Attivita'

Sui sentieri del Monte Conero

Escursione facoltativa sui sentieri del Monte Conero e visite alle località marchigiane di Numana, Loreto e Recanati.

Descrizione dell'itinerario

Sentiero: 01 EE - Traversata del Conero
Tempo di percorrenza: ore 4

Vegetazione: Bosco misto di caducifoglie (roverella, carpino nero, acero napoletano) macchia mediterranea termofila (leccio, corbezzolo), rimboschimenti (pino d'aleppo, pino nero d'Astria, cipresso), ex coltivi.
Nel sottobosco ricche fioriture di primule, ciclamini, melittis; abbondanza di pungitopo e presenza di orchidee.

Osservazioni Faunistiche: eccezionale presenza avi-faunistica con passeriformi di bosco e di macchia (cincia mora, rampichino, crociere), picchio rosso maggiore. Pian Grande è un ottimo punto di osservazione durante il passo migratorio primaverile di uccelli rapaci (falco pecchiaiolo, falco cuculo, falco pescatore e biancone). Per quanto riguarda i mammiferi, qui vivono il tasso e la faina, tra i rettili frequente è l'incontro con il ramarro. Gli ex coltivi e le zone arginali del bosco sono gli ambienti preferiti delle farfalle (cedronella, vanessa, atalanta).

Itinerario: si parte dal Municipio di Sirolo. Si percorre via Giulietti in direzione di Ancona e si imbocca la strada per il cimitero di Sirolo. Si sale per lo stradone sterrato fino ad un quadrivio, si prende a destra in discesa. Dopo una villetta si prende ancora a sinistra, si costeggia un uliveto e si continua in pianura fino ad arrivare ad un palo in metallo: questo e’ il 'Passo del Lupo', punto estremamente panoramico. Il sentiero armato con fune metallica scende con ripidi e stretti tornanti nella valle delle Verare. Si scende piuttosto rapidamente, si attraversa un ghiaione, si prosegue sulla sinistra e si arriva all’ultimo tratto sempre armato con fune metallica che ci conduce alla suggestiva spiaggia delle 'Due Sorelle'. Questo sentiero, fino a poco tempo fa abbastanza pericoloso, usato fin dall’inizio del secolo dai cavatori di pietra, e’ stato sistemato e riattrezzato a cura del Consorzio del Parco del Conero.

Separator

Sentiero: 02 E - Sentiero delle 2 Sorelle
Tempo di percorrenza: ore 5

Ambiente: versante meridionale del Monte Conero parzialmente compreso nella riserva naturale integrale. Eccezionale interesse geologico per l’affioramento della maiolica, la più antica formazione litologica presente nell’area del Parco. La maiolica risulta molto evidente nelle cosiddette 'PLACCHE', enormi e lisci lastroni rocciosi di colore grigio chiaro a strapiombo sul mare. Lungo questo caratteristico tratto di costa alta si osservano spiagge, grotte erose dal mare e candidi scogli di incomparabile bellezza.

Vegetazione: zone coltivate, macchia mediterranea termofila (leccio, corbezzolo, laurotino, lentisco) pineta di rimboschimento, vegetazione rupicola, (violacciocca, valeriana rossa), vegetazione alofita (finocchio di mare) ghiaioni parzialmente consolidati da ginestra ed Ampelodesmos mauritanios. Arrampicate sui costoni sovrastanti la spiaggia delle Due Sorelle vive l’euforbia arborescentem vero gioiello botanico del Parco in quanto non presente altrove nelle Marche, ne’ lungo la costa adriatica a Nord del Gargano.

Osservazioni faunistiche: passeriformi nidificanti di bosco e di macchia (fringuello, capinera, occhiocotto), rapaci diurni (sparviere), svernanti marini (cormorano, strolaga mezzana) , gabbiani comuni e reali. Possibilità di osservare il falco pellegrino. Tra i mammiferi e’ presente la volpe.

Itinerario: si parte dall'abitato del Poggio sant'Antonio sul lato sinistro del bar Dubbini. Il sentiero sale in una zona con parecchi arbusti, alla sommità vi è un interessante vista sul Trave.
Dopo l'attraversamento di un tratto boschivo si raggiunge in un'ora circa Pian Grande. Sulla sinistra si può vedere la Baia di Portonovo. Ripreso il sentiero principale, dopo aver attraversato un ulteriore boschetto al bivio segnalato si prende la direzione sinistra e si giunge ai Piani di Raggetti.
Qui bisogna scegliere tra due direzioni: con la prima si prosegue sulla strada grande, mentre con la seconda si sale a sinistra costeggiando la - Casa Lucignani - e poi si arriva alla strada asfaltata.
Si può visitare la cripta della Chiesa di S. Pietro ed i resti del Monastero. Possibilità di ristorarsi all'Hotel Monte Conero.

Il sentiero prosegue con un bosco di latifoglie fino ad uno spiazzo con un basamento in muratura. Si va a sinistra costeggiando una zona a picco sul mare dove troviamo esempi di macchia mediterranea, e si arriva su una strada più larga con un punto di osservazione caratteristico: il Belvedere sud con vista sugli scogli delle 2 Sorelle. Continuando si arriva alla strada provinciale.

Per tornare al punto di partenza ci si può servire dei mezzi pubblici.


Equipaggiamento

Da media montagna, giacca a vento e scarponi, possono diventare utili i bastoncini telescopici. Portare nello zaino un corretto equipaggiamento da escursionismo. No alle scarpe da ginnastica.



Allegati






Informazioni sintetiche

  • DATA ESCURSIONE
  • DESTINAZIONE
    Marche
  • TEMPISTICHE
    4+5 ore
  • SCALA DIFFICOLTA'
    E/EE
  • COORDINATORI
    Arnaldo Pagliai, Giuliano Cominetti

  • coner1
  • coner2
  • coner3
  • coner4